About marycimetta

Born in 1977 in Bologna, where I live, have a family and work. My first contact with street photography dates back to a family vacation, when I was a little girl. My grandparents gave me a camera to play with and I snapped a whole film roll of photos of strangers. Needless to say that it was the first and last time they lent me a camera. I rediscovered photography many years later as a happy and proud parent, shooting the deeds of my kids. Then out of curiosity and compulsiveness I started studying and experimenting with it and I finally got the street bug hanging around street photographers friends. What fascinated me in street photography was its capriciousness and unpredictability, and the way it joins curiosity, spirit of observation and imagination. To me street photography is a way to look at the ordinary and see the unusual in it. A way to look at spontaneous happenings and see special or decisive moments in them. A way to reinterpret reality and find in everyday situations icons of the human behavior and of our society.

NON PERDERE DI VISTA IL BENESSERE DEGLI OCCHI

10 REGOLE UTILI PER LA PREVENZIONE:

  1. Sottoporsi a visite di controllo. Anche in assenza di sintomi nuovi, è bene sottoporsi con regolarità a visite oculistiche, complete di esame del fondo oculare. Le raccomandazioni della SOI (Società Oftalmologica Italiana) sono di effettuare visite oculistiche ogni due anni dai 40 ai 60 anni e ogni anno dopo i 60 anni.
  2. Testare periodicamente la capacità visiva e di messa a fuoco degli occhi guardando alternativamente vicino e lontano CHIUDENDO UN OCCHIO PER VOLTA. Consultare l’oculista se si notano differenze nel modo di vedere.
  3. Rivolgersi all’oculista ogni volta che compaiono sintomi nuovi e anomali, come lampi, macchie, ondulazioni, visione offuscata o distorta, restrizione del campo visivo o alterazione nella percezione dei colori. Una diagnosi precoce può fare la differenza per la cura di molte patologie oculari.
  4. Fare delle pause regolari in caso di uso prolungato del computer (15 minuti ogni 2 ore), regolare posizione dello schermo e luminosità e contrasto del monitor, in modo da evitare riflessi sullo schermo, assumere una postura rilassata e non viziata, non affaticare la vista con luminosità eccessiva o insufficiente.
  5. Limitare l’uso dei dispositivi digitali che emettono luce blu e che comportano una prolungata applicazione da vicino, innaturale per gli occhi.
  6. Usare lenti con filtro UV a 400 nm sia su lenti chiare che su lenti da sole, per proteggere sempre gli occhi dall’effetto nocivo dei raggi ultravioletti.
  7. Le lenti a contatto non vanno portate per più di 6 ore al giorno e in ogni caso compatibilmente con la tolleranza individuale. E’ sconsigliato l’uso di lenti a contatto in piscina e al mare, perchè possono facilmente contaminarsi ed esporre a un rischio ancora maggiore di congiuntiviti e cheratiti.
  8. Evitare il più possibile l’esposizione ad agenti irritanti quali polvere, sabbia, trucchi, detersivi. In caso di arrossamento o infiammazione chiamare l’oculista ed evitare rimedi ‘fai da te’ o prodotti consigliati con il passaparola. In nessun caso usare colliri cortisonici senza prescrizione dell’oculista.
  9. Alla guida usare la correzione specifica per la distanza in modo da assicurare una guida più sicura e confortevole anche in condizioni di poca luce.
  10. Mangiare sano e seguire una dieta ricca di frutta, verdura e acidi grassi omega-3: proteggono la vista e la salute in generale, contribuendo a prevenire malattie come quelle cardiovascolari e il diabete.